Scorzadarancia | identità siciliana
15735
home,page,page-id-15735,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-8.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Identità Siciliana

Ecco, di Sicilia vogghiu parrari, di sicilitudine, di eccessi e grande senso di appartenenza; in una parola sola, di identità di un popolo attraverso piatti e ricette. Una memoria di tradizioni, vagamente modificate, non eccessivamente convenzionali e conservate gelosamente in un epoca di mutamenti lenti e graduali. Un modo per non scantarsi dei cambiamenti avendo la consapevolezza di chi sei, a cù apparteni. Potrebbe apparire alquanto strano definire l’appartenenza comune di gente eterogenea nelle cui vene scorre sangue di molte dominazioni e invece questa è la nostra fortuna; ingegno, esuberanza e arguzia, una ricchezza dal valore inestimabile, di cui, forse, nonsiamo ancora perfettamente consapevoli.

Claudia Magistro

  • tabulè
    insalata o tabulè, fai tu

    Alla fin fine di chistu si tratta, una bella ‘nsalata di verdure, tutto crudo, per gli amanti delle cose fresche, per i vegani,  per quelli che “no, per carità, d’estate non accendo i fornelli” e per i lagnusi. Lo prepari in poco e lo sbatti......

  • ciliegie_3
    il tempo delle ciliegie dura troppu picca

    E si, secunnu mia, dura troppo poco. Starei sempre a mangiar ciliegie, dice che una tira l’altra. Vero è! Tra me e me dico: l’ultima e basta! Poi quelle, macari, sunnu legate a tre a tre e che fa, le sconzo? Mai Maria! S’affennunu. Ma......

  • tapas
    tapas

    Qualcuno ha detto che un siciliano “pensa e sente come un arabo, agisce come un greco, concepisce la vita come uno spagnuolo”. Ha un malo carattere aggiungo io, appassionato e mutevole, entusiasta e pessimista, generoso e rassegnato, complesso fino allo sfinimento. Il siciliano è stato agghiuttutu dalla stratificazione storica,......

  • crema di lime
    fresco e al lime

    Cca semu fissati, ogni volta che manciamo ‘na cosa poi ci dobbiamo levare il sapore della cosa mangiata in precedenza ingerendo un’altra cosa. Quannera picciridda c’era sempre la zia di turno che diceva: veni picciridda mia, manciati ‘sta bedda ‘nsalata di arance cu pitrusino che ti levi......

  • paella
    la certezza di sbagliare

    devo proprio farti una premessa, t’ha diri che non sono mai, e dico mai stata in Spagna, non ho mai mangiato la paella e non ho la benché minima idea di come si prepari. In rete ho trovato ricette “di ogni”… Che dire? mi cunfunnivi.......

  • brioche paoletta_
    soffice e ciavurusa

    Soffice e ciavurusa. Il profumo ti prende le narici e ti porta simultanenamente a pensare che se il paradiso esiste ha questo odore. C’è picca ‘i fari. La scorza d’arancia, decisa, ti ammalia come una sirena e la ducizza della vaniglia ti cattura. Se poi......