Scorzadarancia | Pasta con i tenerumi di zia Caterina
963
single,single-post,postid-963,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-8.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
DSC00991

02 ott 2007 Pasta con i tenerumi di zia Caterina

I tenerumi sono i germogli della zucchina lunga, il; nome dialettale descrive la delicatezza e la tenerezza di queste foglie. In Sicilia la pasta con i tenerumi, generalmente è considerata una minestra.

Nel lontano 1991, quando ho iniziato a raccogliere le ricette in un quaderno, mia zia Caterina mi ha regalato la descrizione della ricettta di una pasta asciutta con i tenerumi. La preparo ancora oggi così, con qualche piccola variante, ma spero che non me ne vorrà!

Ingredienti per 2 persone e 1/2
mio marito, mia figlia ed io :)
1 mazzo di tenerumi
1 cipolla
1 spicchio d’aglio
6 pomodori rossi a grappolo
2 cucchiai di salsa di pomodoro
mezzo peperoncino
parmigiano
sale
basilico
Mondate le foglie dei tenerumi e recuperate quelle migliori e più tenere; lavatele ripetutamente per eliminare la terra che s’annida nella leggera peluria che le ricopre. In una pentola, dove poi lesserete la pasta, portate a bollore dell’acqua salata, cuocete la verdura per un quarto d’ora. Trascorso questo tempo, scolate la verdura e mettetela da parte. In una padella ponete a soffriggere il peperoncino, l’aglio e la cipolla tritati; pelate i pomodori, togliete i semi, tagliateli grossolanamente e cuoceteli nel soffritto per 5-10 minuti, aggiungete 2 cucchiai di salsa di pomodoro, dopo circa dieci minuti l’acqua di vegetazione si sarà asciugata, aggiungete il basilico, salate e, fuori dal fuoco aggiungete un filo d’olio.
Sminuzzate i tenerumi su un tagliere ed aggiungeteli al sugo di pomodoro, fate cuocere per cinque minuti ancora, sfumate a fine cottura con un fondo di bicchiere di vino bianco.
Lessate la pasta nell’acqua di cottura della verdura, scolatela e saltatela in padella con il pomodoro e le verdure. Servite, se si vuole, con una spolverata di parmigiano.

Tags:
2 Comments
  • scorzadm
    Posted at 10:26h, 09/09/12 Rispondi

    Amiketta del mio cuore, ricette vecchie nessun commento, ma come dici sempre tu, quello che ormai è diventato anche il mio motto "Niente ci fa" anzi ora ce n'è uno che vale ppì cientu :*
    la zia della crostata è Antonella, la moglie di Angelo che a me non viene per niente zia ma cognata 😉
    t'amo
    tua Cla

  • Scorzadarancia | tinnirumi a tinchitè
    Posted at 13:32h, 27/06/18 Rispondi

    […] con gli spaghetti spezzati, tipicamente. A Messina, dove sono nata, invece è in versione pasta asciutta con un po’  di pomodoro per colorare di rosso il verde brillante delle pampine. Il mio sposo si […]

Post A Comment