biondo, a modo mio

biondo chiaro, caldo ma non originale; come se fosse tinto, nemmeno mechato picchì è pressocchè uniforme, sicuramente manomesso.
Mi spiego, s’annunca non si capisce una beneamata. Gordon Ramsay , su uno dei suoi libri, pubblica la ricetta dei ‘blondies’, la versione bionda dei ‘brownies’. Ma secunnu mia, con rispetto parlando, la sua ricetta troppo sdignusa è. Per correttezza vi scrivo la sua ricetta, ci mancassi
allura, iddu dici:
230 g di burro più quello per ungere (e chista è una)
340 g di zucchero semolato (e chista è n’autra)
un pizzico di sale (l’unica cosa che è ‘un pizzico’)
un cucchiaino di estratto di vaniglia (mi sta bene)
2 uova leggermente sbattute ( non s’affinniro anche se le ho sbattute direttamente da intra)
280 g di farina 00 (mi sta bene)
1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio (ok)
un cucchiaino di lievito in polvere (ok)
240 g di cioccolato bianco (…)
4 cucchiai di mirtilli rossi secchi (mi stavano ‘ntipatici, volevo il tutto biondo senza colpi di rosso)
allora, io chi fici?
230 g di burro ( me l’accollai)
180 g di zucchero semolato (l”ho ridotto senza pietà e fici bonu)

 un pizzico di sale (ci sta perfetto)
un cucchiaino di estratto di vaniglia (uguale uguale)
2 uova (sbattute una alla volta dentro il tegamino)
280 g di farina 00
1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
un cucchiaino di lievito in polvere
200 g di cioccolato bianco (ci fici lo sconto)
200 ml di panna fresca (ci misi il carrico da 11)

 amunì, intanto pigghiate un tegamino, sciogliete tutto il burro, aggiungete lo zucchero e sbattete con le fruste elettriche. Unite l’estratto di vaniglia sempre sbattendo. Togliete dal fuoco, lasciate intiepidire e aggiungete un uovo per volta, utilizzando sempre le fruste per amalgamare. Accendete il forno a 150-160°C imburrate leggermente uno stampo da 20×30 cm e foderatelo con la carta forno, facendola aderire bene alle pareti.Setacciate gli ingredienti secchi e uniteli poco alla volta al composto di uova, sempre dentro il tegamino; il composto diventerà, gradatamente sempre più consistente, alternate con la panna fino a esaurimento degli ingredienti. Tritate finemente il cioccolato e aggiungetelo al composto, ormai tiepido

 Versate la miscela dentro la teglia, livellatela e sbattete il contenitore sul piano di lavoro, con delicatezza. Infornate per circa 25-30 minuti o fino a quando la torta  risulterà cotta ma umida, con la prova stecchino.
Tirate fuori la teglia dal forno e fate raffreddare almeno mezz’ora prima di sformare la torta che poggerete su una griglia per il completo raffreddamento. Se volete ma non è strettamente necessario, anzi…spolverate un leggerissimo strato di zucchero a velo, dopo averla tagliata a cubetti.

22 Comments

  1. Fortissimo il tuo biondo!!!! sono con Antonietta alcune ricette di grandi chef vanno una pò rese…. beh diciamo riviste!
    Grazie e buona domenica
    Patrizia di Cucina con Dede

  2. belli, belli da vedere intendo, da mangiare credo anche meglio. E hai ragione, se sono biondi la meche rossa ci stava proprio male, mica abbiamo 13 anni che andiamo in giro con i capelli a colori no? Insomma. Concordo anche con le dosi. Ne mangerei uno adesso, sono pronta per la seconda colazione, caffettino e blondies ci starebbe da Dio.

  3. ciao Claudia….non ti smentisci mai eh! Davvero bella questa rivisitazione, la tua eh! Con anche i mirtilli dentro…bè decisamente un biondo che piace, soprattutto a noi che non siamo golose di gioccolato.
    un bacione

  4. Ricetta perfettamente rivisitata e corretta! cavoli 340 gr di zucchero ci voleva mettere Gordon? O_O fatto bene tu con la riduzione drastica e vincente con l'aggiunta di panna :* come sempre da leccarsi i baffi… un abbraccio grande Cla:**

  5. al carico da 11 non ce la fici… a ridere scoppiai! Cla sei un mito
    160 g di zucchero di sconto a Ramsay.. io non glielo direi 🙂
    un bacioooooooooooooooooooo zuccheroso e con l'accollo carico da 11

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *