Pesce spada con patate e aromi



Se fossi superstiziosa, dovrei leggere qualcosa di oscuro in quello che mi è capitato nella preparazione di questo piatto…ma invece sono solo sbadata ah ah ah! certo c’è poco da ridere 😉 Lavo le patate, le metto in una pentola, le ricopro d’acqua e accendo il fuoco sotto…si sotto, ma sotto la caffettiera che essendo piena a metà è rimasta sul fornello. Nel frattempo faccio altre cose in giro per casa, e sento un sobollire strano,mi dico”così presto?” era il caffè che bolliva…marò e questa è la prima!
La seconda: accendo il forno per portarlo a temperatura…e invece non l’avevo acceso, quindi al momento di infornare, ho dovuto aspettare ancora e ricominciare con l’accensione!
va beh! in definitiva abbiamo cenato e adesso vi racconto con cosa.
A me il pesce piace tutto; adoro il pesce da pulire nel piatto, contrastare con le spine e finire col gustarmi le “guanciotte” mi sembra un rito irresistibile. Ma per far mangiare il pesce a mia figlia compro direttamente il pesce da taglio e penso di risolvere un problema, ma mi illudo. Che fatica farla mangiare!

Ingredienti per 3:
3 fette di pesce spada
30 g di pangrattato
30 g di sesamo
scorza di limone
40 g di pecorino di fossa
3 patate
un mazzetto di basilico
un mazzetto di prezzemolo
mezzo spicchio d’aglio
mezza cipolla
olio extra vergine d’oliva
sale e pepe

Lavate le patate, lessatele intere, scolatele appena saranno tenere, sbucciatele, fatele raffreddare e tagliatele a dadini. Tritate le erbe aromatiche, l’aglio e le cipolla. Condite le patate con il trito, salate e pepate, unite un paio di cucchiai d’olio. Preparate la panatura per il pesce come l’ha suggerita Stella di Sale, unendo il pan grattato con il sesamo leggermente abbrustoliti, il pecorino grattugiato al momento con una grattugia a fori grossi, l’olio, il sale, il pepe e la buccia del limone tagliata con un rigalimoni…vi confido un segreto, avevo ancora un po’ di pan grattato giusto 30 g, avanzato dalla cena di ieri condito con le madorle e i pistacchi, e quindi l’ho usato con il sesamo…schhhh non ditelo in giro però ;). Bagnate con olio le fette di pesce, salate e panate schiacciando leggermente la panatura per farla aderire. Ungete una teglia, disponete il pesce e sopra le patate. Infornate a 180°C per circa 15-20 minuti.

8 Comments

  1. Anche io stasera ho mangiato pesce e ti pensavo mentre preparavo la panatura. Ma non era il pesce che mi faceva pensare a te, è che ti penso sempre, buona notte amore mio Tomà

  2. Buonissimo!!! ed io che pensavo di essere già esagerata nel mio amore per il pesce, ed invece ho trovato una persona che mi batte!!! credo sia perchè non ho mai assaggiato le guanciotte :D!!
    eh eh … avete pasteggiato col colomba platino 😀 bbbuuuooono con il pesceee 😀
    smack

  3. Ciao Anonimo,
    ma che razza di nome è?
    🙂
    grazie mille!!!

    Mammina,
    finalmente un tuo commento, hai infranto il muro del suono stasera eh?
    anch’io ti penso un mondo, ma tu sei la mamma, quindi di default mi pensi di più! ma io ieri pensandoti pensandoti ti ho comprato un regalino :*
    buongiorno cicciottina mia

    Stella,
    mi hai preceduta, perchè volevo venire da te ieri sera e scriverti quanto buona è la tua panatura!Ma mia figlia mi reclamava a letto, era un continuo “mamma, mamma, mamma”. Cause di forza maggiore 😉
    mò vengo
    baci Cla

    Viviana,buongiorno!
    maddai non hai mai assaggiato le guanciotte del pesce?
    ma sono buonissime, tenere tenere, io le lascio per ultimo 😉
    buono il vino si…è finito!!!
    baci
    Cla

  4. Qui con me c’è la zia Pina , ti fa i complimenti per tutto; è possibile che quelche volta ti farà un commento, quando imparerà ad usare lo scascione di suo figlio. Intanto per favore vorrebbe la ricetta della torta di mele con le mele dentro, ma quella che fai tu. non la mia. baci Tomà

  5. CIAO ZIA PINAAAAAAA!!!
    che bello che sei qui:*
    ma quale ricetta di torta di mele vuoi?
    una con le mele dentro è nel blog,vedi un po se ti piace, ne ho un’altra nel mio quaderno di ricette.
    tanti baci Cla

  6. ora che ci penso quella nel blog ha le mele sopra…ok ci penso io
    fammi avere un indirizzo di posta elettronica che te la mando
    aribaci
    Cla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *